SEI IN > VIVERE ANDRIA > CULTURA
articolo

Mariella Colasuonno: Custode delle tradizioni popolari di Andria

2' di lettura
334

di Alessandra Carbone
andria@vivere.it


Nel cuore della vivace città di Andria, Mariella Colasuonno emerge come una figura centrale nel preservare e celebrare le tradizioni popolari locali. Insegnante di lunga data presso la Scuola Secondaria di Primo Grado, Colasuonno ha dedicato la sua vita a studiare e promuovere il ricco patrimonio culturale della sua città natale.

In un'intervista esclusiva, Mariella Colasuonno condivide la sua visione e la sua passione per la cultura andriese. "La nostra è una città difficile, con diverse fragilità", afferma Colasuonno. "Un approccio possibile al superamento delle contraddizioni è l'amore incondizionato". Con una profonda consapevolezza dei bisogni della sua comunità, Colasuonno crede fermamente che ogni cittadino possa contribuire alla crescita e al benessere della città con gesti di gentilezza e solidarietà.

Il suo impegno verso la promozione delle tradizioni popolari è evidente nei suoi sforzi per trasmettere la conoscenza delle radici culturali agli altri. "Il senso di identità di un paese sta nel trasmettere la conoscenza delle radici ai più giovani", sottolinea Colasuonno. "Bisogna prendersene cura e aiutarli a familiarizzare con il nostro dialetto e con tutto il patrimonio del folclore: è questo il mio sogno". Tra i suoi progetti più recenti si distingue il lavoro svolto con l'ALFA teatro, dove Colasuonno ha scritto e diretto l'opera teatrale "Pa nu pima nə də frotta rə". Questo spettacolo affascinante riporta in vita le voci del passato attraverso canti, proverbi e consuetudini, con particolare attenzione alle figure femminili che hanno plasmato la storia di Andria. Attraverso la sua ricerca sulla storia del matrimonio e del corredo a Andria nel XVI secolo, Colasuonno rivela le sfide e i sogni delle donne andriesi del passato.

Le performance di Colasuonno, inclusa "Storie e sogni di donne andriesi", rappresentate presso il Museo Diocesano durante la mostra "Dimore, fili oltre confini", offrono uno sguardo affascinante e commovente sulla ricchezza culturale e storica di Andria. A Mariella Colasuonno che continua ad essere una fonte di ispirazione per la sua comunità, impegnata a preservare e celebrare le radici culturali di Andria per le generazioni future. Custode instancabile delle tradizioni popolari di Andria, giungano i nostri più fervidi auguri di continui successi e soddisfazioni nel suo encomiabile impegno. Che il suo straordinario lavoro possa continuare a brillare come un faro di ispirazione, guidando la comunità verso una profonda consapevolezza e apprezzamento per il prezioso tesoro culturale della loro città. Possa ogni passo intrapreso da Mariella contribuire a tessere un legame sempre più forte tra le generazioni, garantendo che le radici storiche e culturali di Andria rimangano vive e vibranti per le future generazioni.

Per Whatsapp iscriversi al canale https://whatsapp.com/channel/0029Vaac9Bg2UPB9Y4GrDV3M.

Per Facebook seguire la pagina https://www.facebook.com/vivereandria.

Per Telegram unirsi al canale https://t.me/vivereandria




Questo è un articolo pubblicato il 09-05-2024 alle 11:15 sul giornale del 10 maggio 2024 - 334 letture






qrcode